Gli Emirati Arabi Uniti si ritirano dalla coalizione marittima guidata dagli Stati Uniti

Investire a Dubai

Gli Emirati Arabi Uniti si sono ritirati dalla coalizione marittima guidata dagli Stati Uniti dopo un’ampia valutazione delle sue esigenze di sicurezza, come afferma il suo Ministero degli Affari Esteri. La decisione segna un momento cruciale nel panorama geopolitico della regione, alterando le dinamiche della cooperazione internazionale nella sicurezza marittima. Gli Emirati Arabi Uniti con la loro posizione strategica lungo le strade commerciali marittime vitali erano stati un partecipante attivo nella coalizione guidata dagli Stati Uniti.

La coalizione marittima degli Stati Uniti e il ritiro degli Emirati Arabi Uniti

La task force 34-nation con sede presso la base navale statunitense in Bahrain è stata costituita per contrastare il terrorismo e la pirateria nelle aree del Mar Rosso e del Golfo.

La regione contiene alcune delle rotte marittime più importanti del mondo e dal 2019 ci sono stati una serie di attacchi alle navi in tempi di tensione tra Stati Uniti e Iran.

L’Iran ha sequestrato due petroliere internazionali alla fine di aprile e all’inizio di maggio nello stretto di Hormuz, tra cui il Niovi, che aveva viaggiato da Dubai verso il porto di Fujairah negli Emirati Arabi Uniti.

Questi incidenti hanno portato all’escalation delle tensioni tra gli Stati Uniti e l’Iran.

All’inizio di maggio, gli Stati Uniti hanno detto che avrebbero rafforzato la sua “posizione difensiva” nel Golfo mentre Washington ha accusato Teheran di effettuare maggiori attacchi alla navigazione commerciale.

Secondo il Wall Street Journal, la decisione degli Emirati di ritirarsi è arrivata con frustrazione per il percepito fallimento degli Stati Uniti nel rispondere alle minacce iraniane.

Citando funzionari statunitensi e del Golfo, il giornale statunitense ha riferito che gli Emirati Arabi Uniti erano delusi e avevano chiesto agli Stati Uniti di intraprendere azioni più forti per scoraggiare l’Iran dopo questi recenti incidenti.

Ma gli Emirati Arabi Uniti hanno negato nella loro dichiarazione che il rapporto del giornale fosse accurato, dicendo che era solo una libera interpretazione delle conversazioni tra i due Paesi.

Gli EAU al vertice per la sicurezza marittima nel Golfo Persico

Il Golfo Persico è una delle rotte commerciali più importanti del mondo, attraverso cui transita gran parte del petrolio e del gas naturale esportati dai Paesi della regione. La sicurezza delle rotte marittime nel Golfo Persico è, quindi, di fondamentale importanza per l’economia globale e per la stabilità del territorio.

Negli ultimi anni, la sicurezza marittima nel Golfo Persico è stata minacciata da una serie di fattori, tra cui la pirateria, il terrorismo e le tensioni geopolitiche tra i Paesi della regione. In questo contesto, il ruolo degli Emirati Arabi Uniti nella protezione delle rotte marittime è diventato sempre più importante.

Infatti, gli Emirati Arabi Uniti stanno cercando di assumere un ruolo più attivo nella protezione delle rotte marittime della regione e di ridurre la loro dipendenza dagli Stati Uniti per la sicurezza. Questo potrebbe essere visto come un segnale di maggiore fiducia delle autorità emiratine nella loro capacità di proteggere le proprie rotte marittime e gli interessi nazionali senza l’aiuto degli alleati statunitensi.

Tuttavia, ci sono anche preoccupazioni sul fatto che il ritiro degli Emirati Arabi Uniti possa indebolire la coalizione marittima guidata dagli Stati Uniti nel Golfo Persico e compromettere la sicurezza delle rotte marittime della regione. La protezione del porto di Jebel Ali, uno dei porti più importanti del Golfo Persico, rimane una priorità per gli Emirati Arabi Uniti.

Per affrontare queste sfide, gli Emirati Arabi Uniti stanno cercando di sviluppare relazioni di sicurezza più strette con altri Paesi, tra cui la Cina, India e Russia. Questo potrebbe portare a una maggiore cooperazione nella protezione delle rotte marittime e nella lotta contro la pirateria e il terrorismo nella regione.

I motivi del ritiro emiratino dalla coalizione marittima USA

Moliti nomi importanti si sono espressi per rintracciare le possibili motivazioni che stanno alla base del ritiro degli EAU dalla coalizione guidata dalla bandiera a stelle e strisce.

Secondo Kristian Ulrichsen, collega per il Medio Oriente presso il Baker Institute for Public Policy della Rice University, la mossa degli Emirati Arabi Uniti era un segno della delusione di Abu Dhabi per Washington.

“Il ritiro degli Emirati Arabi Uniti sembrerebbe essere coerente con la frustrazione espressa ad Abu Dhabi per la percepita mancanza di volontà degli Stati Uniti di proteggere attivamente i loro partner e ristabilire una deterrenza credibile nel Golfo, per quanto ingiusto possa essere nella realtà”, ha detto ad Al Jazeera.

Il professore associato presso il Dipartimento di Studi sulla Difesa del King’s College di Londra, Andreas Krieg, ha affermato che le relazioni tra Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti stavano attraversando un periodo difficile con Abu Dhabi che vedeva gli Stati Uniti come non all’altezza del loro ruolo di garante della sicurezza nella regione.

Krieg ha affermato che questa percezione ha spinto gli attori regionali a diversificare le loro partnership per la sicurezza e a riempirsi i vuoti dove possono.

“Gli Emirati Arabi Uniti stanno usando simbolicamente gli incidenti delle petroliere per una partnership di sicurezza statunitense fallimentare”, ha detto, aggiungendo che la mossa degli Emirati Arabi Uniti è stata una dimostrazione agli Stati Uniti che “sono una nazione fiduciosa e sovrana che può scegliere le sue priorità in materia di sicurezza”.

EAU al top per le partnership internazionali: ecco perché conviene investire a Dubai

Tutti vogliono avere a che fare con gli Emirati Arabi Uniti.

Che si tratti di dinamiche internazionali economiche o politiche, tutte le nazioni puntano a stringere relazioni diplomatiche con gli Emirati Arabi Uniti che hanno dimostrato e ancora dimostrano di essere un territorio florido per la crescita reciproca e rispettato anche dalle più importanti potenze del pianeta.

Proprio grazie alla loro autonomia ed indipendenza, infatti, gli EAU garantiscono di poter agire per proteggere gli interessi nazionali, senza limitare il proprio raggio d’azione a causa di rapporti internazionali: così, la politica emiratina permette a chiunque di sentirsi protetto e sicuro all’interno della loro regione.

Anche per questo Dubai, l’emirato più vivido commercialmente ed economicamente parlando, rimane la meta più scelta dagli investitori di tutto il mondo.

Investire a Dubai, infatti, risulta essere oggigiorno l’unica scelta interessante per chi desidera mettere al sicuro il proprio portafoglio e la propria attività.

Grazie alla sua fiscalità agevolata, infatti, Dubai è l’unico Paradiso Fiscale del 2023.

Così, un numero sempre maggiore di imprenditori italiani e non solo decidono di aprire una società a Dubai, per portare al successo il proprio business.

Allo stesso modo, gli investitori di tutto il mondo scelgono Dubai come destinazione prediletta per mettere al riparo i propri soldi.

Vuoi avere altre informazioni?

Cerca

Ultimi Post

Contattami

Daniele Pescara Consultancy è il responso alla richiesta della clientela internazionale più esigente.

Attraverso l’ufficio “One Stop Shop”, l’azienda propone la costituzione di società al 100% di proprietà del cliente e i servizi finanziari annessi.