Aprire un conto corrente a Panama: vantaggi e svantaggi

Anche tu sei alla ricerca di informazioni per aprire un conto corrente all’estero? Ovviamente, quando si desidera guardare all’estero per aprire un conto, l’interesse ricade sui Paesi che, tipicamente, sono fiscalmente più allettanti.

Tra questi, vi è Panama. Tuttavia, i discorsi attorno a questo territorio sono molto critici e ti conviene approfondire sin da subito tutti i dettagli in merito per evitare di incappare in spiacevoli situazioni.

Le opinioni, oggigiorno, infatti sono sempre più negative e i benefici effettivi di aprire un conto a Panama, oramai, sembrano scomparsi.

Ecco perché ti presento questa veloce guida con tutti i dettagli in merito!

Come aprire un conto a Panama

Per aprire un conto corrente a Panama, la documentazione da produrre e presentare non è poca. In particolare, sarà difficile riuscire a gestire la cosa, soprattutto, a causa dei tantissimi controlli cui si è sottoposti.

Innanzitutto, devi sapere che puoi aprire il conto corrente a Panama anche senza residenza, ma le limitazioni sono ancora più stringenti. Infatti, i requisiti che vengono chiesti sono davvero tanti e questo a causa della cattiva fama che Panama riveste in qualità di Paradiso Fiscale inserito nella Black List delle Autorità internazionali.

In particolare, devi sapere che Panama è conosciuta ovunque per essere lo stato dove si lava il denaro sporco e dove la frode e le altre attività illegali associate al trasferimento internazionale di denaro sono all’ordine del giorno.

Certo, puoi già capire perché investire a Panama oggi, anche solo aprendo un conto corrente, non è per nulla interessante, essendo un territorio ricco di malavita. Proprio per questo, dunque, la documentazione richiesta dalle banche è assolutamente dettagliata e numerosa ed indaga sulla tua vita patrimoniale.

Ecco per te i requisiti per aprire un conto corrente a Panama:

  • 2 referenze bancarie in inglese, di 2 differenti istituti di credito;
  • 1 estratto conto di 6 mesi, per ognuna delle precedenti banche, indicante in saldo contabile effettivo, oltre ai recapiti dell’impiegato bancario che se ne occupa;
  • 1 bolletta originale a nome dell’intestatario del futuro conto con 1 copia autenticata;
  • 1 certificazione di residenza con traduzione giurata in inglese o in spagnolo;
  • il modello unico;
  • la busta paga o la dichiarazione dei redditi;
  • 2 referenze personali, con copia autenticata ed allegata del documento di identità del referente
  • 1 referenza Business con timbro, firma, telefono, sito web, fax, e-mail dell’azienda referente
  • Proof of Funds in inglese o spagnolo;
  • 1 copia autenticata o notarizzata a colori del passaporto del futuro intestatario del conto e della carta d’identità;
  • 1 pianificato business plan in lingua inglese, obbligatorio per alcuni istituti offshore;
  • Se si opta per un conto corrente offshore societario, i documenti societari vanno vidimati presso la corrispondente ambasciata estera.

Si può aprire un conto corrente a Panama da remoto?

Come già anticipato puoi aprire il tuo conto a Panama anche senza possedere la residenza nel Paese. Quindi se la residenza non ti interessa o, semplicemente, vuoi anticipare i tempi aprendo prima un conto corrente a distanza, ecco che a Panama lo puoi fare.

Così, potrai aprire il tuo conto a Panama da remoto, ma con tutti i rischi del caso.

Questa operazione, molto complicata, si realizza col tramite di banche con licenza internazionale. Ovviamente, la procedura ti costerà di più rispetto ad un’apertura in presenza, poiché la burocrazia da adempiere si moltiplica.

Questo significa che anche le tempistiche si allungano notevolmente, e, al posto del mesetto di attesa per l’apertura di un conto corrente di persona, i giorni saranno nettamente superiori.

I vantaggi di aprire un conto off-shore a Panama

Se anni fa aprire un conto a Panama era fiscalmente allettante, oggi è tutto cambiato. Oggi, i veri vantaggi di aprire un conto a Panama non sembrano esistere più.

Parliamoci chiaramente: il beneficio principale di possedere un conto a Panama era, tempo addietro, rappresentato dalla possibilità di fruire di vantaggi bancari, finanziari e personali relativi alla privacy, che finivano solo con il favorire l’elusione e l’evasione fiscale. Soprattutto, poi, il punto di forza di aprire un conto a Panama era la possibilità di godere dell’anonimato.

Sei interessato a possedere un conto bancario a Panama per vederti garantire la segretezza? Sei completamente fuori strada. Se queste sono le tue intenzioni devi guardare ad un altro Paese.

A Panama, infatti, il segreto bancario è stato completamente eliminato. Il motivo è proprio legato all’alto tasso di evasori fiscali che si sono susseguiti negli anni a Panama.

Infatti, con le nuove disposizioni dell’OCSE, che prevedono lo scambio automatico internazionale di informazioni tra autorità fiscali, il beneficio della tutela della privacy a Panama è finito.

Aprire un conto a Panama Vs aprire un conto corrente a Dubai

Ormai te l’ho svelato: c’è un unico Paese al mondo che, invece, ti garantisce massima riservatezza in merito ai dati tuoi e della tua attività.

Vuoi sapere qual è? Certamente: si tratta di Dubai!

Infatti, malgrado gli Emirati Arabi Uniti abbaino aderito al CRS dell’OCSE, se sei un investitore straniero e prendi la residenza nel Paese, la tua privacy viene tutelata al 100%. Nessuna autorità italiana o internazionale, dunque, verrà mai a conoscenza dei tuoi asset stranieri e il segreto bancario è garantito.

Il governo emiratino, infatti, non comunica e mai comunicherà alcunché circa gli investitori che portino risorse all’interno dello stato e che acquisiscano la cittadinanza in loco.

Quindi, se diventi residente negli EAU, puoi investire in totale sicurezza e riservatezza nel Paese.

Affidati a dei professionisti per aprire il tuo conto corrente societario a Dubai.

Fissa una consulenza con la “Daniele Pescara Consultancy”

Condividi il post

Ultimi Post

Contattami

Daniele Pescara Consultancy è il responso alla richiesta della clientela internazionale più esigente.

Attraverso l’ufficio “One Stop Shop”, l’azienda propone la costituzione di società al 100% di proprietà del cliente e i servizi finanziari annessi.